Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista

I miei libri

Tatanka (2013)

Tatanka

Al centro della luna bianca, lucente come su un palcoscenico, racchiusa in un fiabesco guscio immacolato, c’era la sagoma nera di un bisonte tri-cornuto, sollevato per le estremità da due grandi uccelli. La Compagnia dell’Aquila, ridendo, si mise sull’attenti. Augh!

Dopo “Il Professor Scelestus”, i nostri eroi, Pipo, Camilla, Doc e l’insaziabile Tyson sono pronti a viivere un’altra splendida avventura nel Collegio degli Ulivi. Ci sono dei cagnolini da salvare in una corsa contro il tempo, e per riuscire in quest’impresa ci vorranno il carisma di un’aquila, l’eleganza di un cigno, l’astuzia di un topo e la forza di un bisonte. Ce la faranno? Coraggio, Tatanka! Augh!

Tatanka

In principio fu il mare (2012)

Copertina di "In principio fu il mare"

La storia di due giovani: Mohammed, un tunisino che per capriccio intellettuale decide d’imbarcarsi su un gommone di disperati in cerca d’una presunta libertà e finisce a vivacchiare facendo il ‘vu cumprà’ in Sicilia; e Dodo, un diversamente abile abbandonato dai genitori e cresciuto all’ombra del nonno, fascista e violento che lo plagia. La vicenda, che finirà in un’inaspettata tragedia, offre lo spaccato di una ‘piccola’ società, purtroppo assai attuale, assoggettata alla televisione, al consumismo, al preconcetto e all’ignoranza. Accanto, con grazia o rude animalità, personaggi e storie che lasciano nel lettore tracce indelebili: le donne – quasi sospese in un’irreale atmosfera rarefatta -, o Karim, un anziano marocchino sognatore, o Pietro, idealista vile e incapace di tener fede ai propri principi.

Sullo sfondo: corruzione e sfruttamento, l’ambiente ospedaliero con le sue bassezze e la sua comica tragicità, una Tunisia elevata a poetica visione e una Sicilia con le sue povertà, il suo mare e le sue umane generosità.

Acquista In principio fu il mare

Sangue garofano e cannella (2011)

Copertina di Sangue, garofano e cannella

Amalgamando verità e invenzione, proprio come in una ricetta, gli autori del romanzo di fantasia “Sangue garofano e cannella” tornano a puntare i riflettori su una delle vicende criminose che più hanno scosso l’Italia degli anni ’40: gli efferati delitti di Leonarda Cianciulli, detta La saponificatrice di Correggio. Accostando gli articoli, la biografia e le testimonianze reali, e di pubblico dominio, a personaggi e dialoghi di fantasia e a un ‘sentire’ immaginario dell’assassina, scritto in prima persona, questo libro intende continuare a scavare nel Male in cerca delle sue, spesso, incomprensibili origini.

Acquista Sangue, garofano e cannella

Un’altra Julia (2009)

Copertina di Un'altra Julia

Nitto è un uomo duro, legnoso, il suo sogno è possedere un grande fondo. La nascita di una nipote, Leda, lo riempie di speranza: attraverso un matrimonio combinato potrà finalmente ingrandire il suo regno. Tutto pare procedere secondo i suoi progetti e Leda a tredici anni si ritrova fidanzata con Tindaro, figlio adorato di Tino ed erede della sua terra. Ma come in un vero incubo la situazione precipita, una disgrazia inimmaginabile si abbatte sulle famiglie e la bella Leda diventa “un mostro” di cui la gente sussurra con timore. Sarà un poeta, candido come un eremita, ad aiutare la “donna volpe” a sopravvivere a un destino terribile.

Acquista Un'altra Julia

Il professor Scelestus (2009)

Copertina di Il Professor Scelestus

Nel Collegio degli Ulivi, aristocratico istituto per ragazzi bene, tre amici e una ragazzina affrontano un’avventura fantastica: il loro buon maestro Lorenzini scompare improvvisamente e viene sostituito da un incredibile insegnante, il professor Scelestus. Il nuovo professore, orribile a vedersi e disgustoso nelle sue abitudini, nasconde un magico segreto.
Riusciranno Pipo, Doc, Tyson e Camilla a scoprire cosa si cela dietro quella stramba figura? Tra magie, dottori premurosi, omini verdi e simpatici pappagalli, vivremo le esilaranti avventure dei quattro amici, sino all’imprevedibile finale. Sempre che Scelestus non intralci i nostri piani…

Acquista Il professor Scelestus

‘A Jatta (2008)

Copertina de A'Jatta

Alfredo, segretario scolastico in pensione, afflitto da smemoratezza e malinconico pessimismo, single impenitente, incontra Andrea, una transessuale operata che, dopo anni di lontananza, rientra in Sicilia, sua terra natale. I due intrecciano una relazione amorosa. Attorno a loro, gli amici di lui, la sua intrattabile cameriera, il fantasma di vite trascorse, altri affetti, una gatta filosofa e un violoncellista antipatico, Giorgio, che farà di tutto per spezzare l’unione dei due amanti. Sullo sfondo una realtà sociale meschina e provinciale attraverso cui l’autrice mette in luce un universo affettivo su cui l’opinione pubblica continua a dividersi, offrendo numerosi spunti di riflessione circa l’opportunità di restituire dignità e identità sociale a chi vive fuori dalla logica eterosessista.

Acquista 'A Jatta

Draghia (2008)

Copertina di DraghiaAlle pendici del monte Kiru giace, misteriosa, l’ultima valle stregata: Draghia, la terra dei possenti draghi. Un cacciatore crudele e un ingenuo ragazzo ne profanano i confini, ferendone a tradimento il nobile cuore. Da allora, il patto fra uomini e draghi viene infranto, e la paura si scatena sui territori degli uomini. Solo un indovinello e l’incanto di due spiriti puri potranno salvarli…

Scritto con lo pseudonimo di Kay Pendragon

Acquista Draghia

Eraclito e il muro (2006)

Copertina di Eraclito e il muro La storia di un critico dello spettacolo, Matteo Micciché, musicista fallito, si intreccia a quella di un paesino siciliano degli anni Settanta. Seguendo le sue vicissitudini ci si addentra in un piccolo, fascinoso mondo di falsità, furbizie e popolana saggezza, passioni, potere e viltà. Ne scaturisce la gustosa rappresentazione di una certa Sicilia, metafora dell’Italia di ieri e di oggi. Pecche e virtù, speranze e disillusioni si mischiano in un caleidoscopio che restituisce, ogni volta, un nuovo fantasioso disegno, a tratti comico, a tratti tragico, a tratti poetico. Il muro di un teatro, muto testimone della comunità, diventa audace strumento di comunicazione collettiva mentre la musica, con la sua magia, sembra insinuarsi tra le pagine, quasi a diventare colonna sonora della sonnacchiosa quotidianità di questo paese in cui, malgrado inevitabili cambiamenti, ogni cosa sembra condannata a rimanere, nella sostanza, uguale a sé stessa.

Acquista Eraclito e il muro

Dall’ultimo leggio (2005)

Copertina di "Dall'ultimo Leggio"Undici racconti brevi, undici personaggi diversi accomunati dalla difficoltà di vivere.
Opera prima di C.P. che tratta di vicende forse del tutto normali, ma accompagnate da un tocco di grazia che le fa assurgere a emblemi dell’esistenza.
I protagonisti, normalissimi individui che ci è dato di incontrare ogni giorno, assumono la veste di personaggi, emergendo dalla loro anonimità, in un trionfo dell’essere “qualunque” , vero tessuto connettivo di una società.
Quelle di “Dall’Ultimo leggio” sono “creature” trattate con tono pacato, senza enfatizzazione, senza accentazione dell’aspetto doloroso delle storie.
Si snoda così una galleria di figure imprigionate dalla loro condizione, di cui a volte riescono a liberarsi e altre invece no, in completa naturalezza, perché la vita è così.
Ecco allora la vicenda della prostituta Salomè, redenta dal caso, oppure quella della vecchia che non si rassegna ad avere un futuro diverso dalla morte.
E ogni volta vengono ricreate atmosfere diverse, come in “Settecani”, quasi una favola, dove la maturazione di un bambino alle prese con un diverso è raccontata con delicatezza, quasi con pudore.
Non è che gli altri otto racconti siano da meno, anzi presentano suggestioni variegate di questa difficoltà di vivere, situazioni in cui ognuno di noi potrà in parte ritrovarsi.

Acquista Dall'ultimo Leggio