Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista
Stai navigando in vergogne

marco travaglio e leggi razziali

luglio8

Quando circa un anno fa gridavo allo scandalo, molti, anche tra quelli che oggi concordano con Travaglio, si scagliavano ancora contro i rom. E forse ancora lo farebbero se la situazione non fosse così grave e imbarazzante. Riporto una parte di un intervento di Travaglio che mi sta molto a cuore, felice di trovare qualche voce, qualche intervento scandalizzato che mi fa sentire meno sola. Purtroppo molti son d’accordo col governo e che gli zingari ‘siano ladri’, dicono, s’è sempre saputo. Ciò che più mi fa soffrire è sentirlo dalla bocca di chi ha vissuto la guerra mondiale, di chi c’era mentre gli ebrei venivano deportati. Di chi non si mosse, non si muove. Approva. Ci hanno preso in giro coi libri di storia… Ma quale ‘attentato all’umanità’? non è giusto così?
(…)Nell’Italia del 2008 sono già passate un paio di leggi razziali e altre sono in preparazione. Sono quelle leggi che trattano in maniera diversa i cittadini o le persone umane, a seconda della loro provenienza, della loro razza, o del colore della loro pelle. Una l’ha approvata il Capo dello Stato senza colpo ferire, senza battere ciglio: si chiama "aggravante speciale per gli extracomunitari clandestini". Stabilisce questo: se io, italiano bianco di razza ariana, rapino un milione di euro una banca e do un ceffone a una guardia giurata becco, poniamo, dieci anni. Se lo stesso reato, la stessa rapina, per lo stesso importo di un milione di euro, dando lo stesso ceffone alla guardia giurata, lo commette un immigrato irregolare senza i documenti prende dieci anni più x. X è l’aggravante razziale. Abbiamo fatto lo stesso danno, commesso lo stesso reato ma alla stessa azione non segue la stessa reazione dello Stato, ne segue una diversa. Perchè? Perchè lui viene da fuori e io sono indigeno. Infatti vuoi mettere la soddisfazione? "A te chi ti ha rapinato?" "A me un italiano" "Ah che culo, invece a me un extracomunitario!" Come se il danno che può fare un extracomunitario compiendo la stessa azione fosse maggiore. Questa non è una legge per la sicurezza, è una legge razziale che non da ne più ne meno sicurezza rispetto a quella che avevamo prima perchè la sicurezza passa attraverso la certezza dei cittadini che chiunque abbia commesso un reato viene punito con una pena proporzionata. Non c’entra la qualità di chi ha commesso quel reato: tutti devono essere uguali di fronte alla legge. Questo stabilisce la nostra Costituzione e la Corte Costituzionale ha stabilito che questo diritto spetta anche ai cittadini che non sono ancora cittadini, e forse non lo saranno mai, ma li processiamo noi. Nei nostri tribunali tutti devono essere trattati nello stesso modo. L’articolo 3 della costituzione dice che nessuno può essere diverso da altri davanti alla legge per questioni di razza, religione, provenienza, status sociale, condizione sociale.

Nessuno può essere diverso per la carica che occupa, per la religione che professa, per il colore della sua pelle. Nessuno può essere diverso per l’etnia da cui proviene. Bene, con un’ordinanza amministrativa di ordine pubblico, così è stata presentata, il ministro Maroni che peraltro è una persona di solito sensata, normale, moderata e con la quale si può parlare, ha fatto una cosa di cui forse nemmeno lui si rende conto perchè nessuno, intorno a lui, o quasi nessuno, gliene fa rendere conto. Io ho contato due o tre commenti negativi: Barbara Spinelli sulla Stampa di ieri, Furio Colombo sulla Stampa di ieri e molte associazioni di volontariato. Addirittura la Chiesa, addirittura Famiglia Cristiana. E’ la norma che prevede la schedatura dei rom, compresi i bambini. Dopo le aggressioni ai rom nei campi, dopo i raid punitivi – le squadracce fasciste o di qualunque colore siano, contro i rom cioè contro un’etnia non contro una persona che ha fatto qualcosa e per la quale voglio reagire. Contro un’intera comunità, solo per la sua provenienza, etnia, religione, solo per il suo essere nomade io colpisco indiscriminatamente nel mucchio. I raid.

Ma i raid li fanno i delinquenti, vengono puniti! Questo stesso modo di procedere l’ha fatto il governo, prima istituendo in alcune grandi città un commissario straordinario per i rom. Come se si dovesse fare un commissario straordinario per gli australiani, per quelli che vengono dalla Groenlandia, un commissariato straordinario per quelli che vengono dall’India. No: il commissario straordinario per i rom.

Altra legge razziale. L’ultima legge razziale è quella che prende le impronte. Non a tutti: io non sono contrario a prenderle a tutti.

Abbiamo un quadrettino sulla nostra carta d’identità che prevede il prelievo delle impronte per essere certi di associare a un’impronta, cioè un segno di riconoscimento chiaro, l’identità che uno dichiara nel suo documento. Può essere molto utile per combattere la criminalità di importazione che italiani e immigrati debbano dare allo Stato italiano la loro impronta per associarla a un nome.C’è il problema che molto spesso chi viene in Italia per delinquere fornisce false generalità e falsa nazionalità. Perché? Perché ogni volta che viene preso risulta sempre la prima volta, e beneficia della sospensione condizionale della pena. Non ha aggravanti, nel caso sia recidivo. Bene, si prendessero le impronte di tutti, dopodichè, “non mi vuoi dare la tua identità reale? Te la do io: ti chiami Pippo!”. Da quel momento Pippo ha quell’impronta e ogni volta che verrà fermato risulterà che è già stato fermato per i suoi precedenti e quindi verrà trattato anche lui come gli italiani che hanno dei precedenti. Con le loro aggravanti e, a un certo punto, senza la sospensione condizionale della pena. Questo è un modo corretto, in uno Stato serio, di comportarsi nei confronti di chi non può permettersi di calpestare il territorio di un Paese, senza un nome e senza una identità. Questo è un modo per dargliela. Naturalmente se si investono molti soldi , non se si tagliano i fondi. Se si investono molti soldi nella sicurezza per creare una grande banca dati delle impronte, come quella dell’FBI, affinché chiunque, italiano o straniero, viene sorpreso, si verifica che stia dando le generalità giusto o che non stia usando un documento falso, o che non stia dando un nome falso. Per investire alla fine si riesce a ottenere il risultato che l’impronta appoggiata sul monitor del computer portatile del poliziotto aiuta a risalire immediatamente all’identità e agli eventuali precedenti. Si fa per tutti. Non si fa per i rom e basta. Se si fa per i rom e basta non è una misura di sicurezza, ma una misura razzista. Il fatto che non si riesca più a distinguere le due cose e che non si capisca che la nostra sicurezza non migliorerà di un millimetro, non migliorerà di nulla nel caso in cui abbiamo prelevato le impronte di tanti bambini rom facendogli anche dichiarare la loro etnia e la loro religione – perché questo sta avvenendo in alcune città italiane – questo è molto grave, anche perché noi siamo un Paese che settant’anni fa ha fatto le Leggi Razziali. E le Leggi Razziali erano una importazione dalla Germania di un razzismo di Stato che ha provocato lo sterminio di due comunità: la comunità ebraica e la comunità rom. Diversi per etnia erano, per i nazisti e per i loro servi italiani, i rom e gli ebrei. Schedare i rom, oltre a essere un vergogna, è anche un bruttissimo ricordo per quello che è accaduto settant’anni fa e al quale nessuno, nemmeno i fascisti risciacquati a Fiuggi e ridipinti da Fini, dovrebbe mai ritornare.
Ecco, questo è quello per cui si deve manifestare domani. Una serie di provvedimenti spot, alcuni razzisti, altri che devastano la legge, altri che devastano la Costituzione, tutti a danno dei cittadini, tutti a danno dell’immagine dell’Italia. Tutti a danno della nostra dignità, tutti a danno della nostra Costituzione, che vengono presi in sequenza: una legge incostituzionale al giorno perché così il Capo dello Stato non potrà mica bocciarle tutte. Qualcuna, in nome del dialogo, ce la dovrà pur concedere. È contro questo che bisogna manifestare. È a favore dell’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, è a favore della verità e del dire la verità ai cittadini. È a favore della sicurezza vera, e non quella finta fatta con provvedimenti molto gravi, e allo stesso tempo dall’efficacia assolutamente nulla. (…)
Marco Travaglio

pubblicato nella/e categoria/e rom, vergogne | 3 Commenti »

ponte sullo stretto? no, grazie

giugno6

nel post precedente ho pubblicato una foto gigante, da far scorrere per apprezzarla pienamente. perché?
Perché in tempo d’elezioni Silvio mi scrisse, sì sì, proprio a me (a quante altre migliaia di elettori?bah e chi ha pagato i francobolli? boh), rassicurandomi sul fatto che appena eletto la prima cosa che avrebbe fatto sarebbe stato il Ponte, per me capite? per rendermi felice! Be’ Messina non è una grande città, nel senso che non è granché bella né gradevole, il terremoto e i bombardamenti l’hanno distrutta (ché prima era splendida), ma ha ancora qualche posto affascinante, come i laghi di Ganzirri e il pilone (quelli della foto appunto) che ricordano quanto meraviglioso fosse questo sito in passato. E quindi, siccome i laghi son bellissimi, mi pare giusto metterci dentro il Ponte! Distruggiamoli, accidenti! Che questa città sia una merda fino in fondo! Che la gente ci passi guardandola dall’alto, senza neanche fermarsi più a prendere la granita. Dritti dalla Calabria all’autostrada, una buona volta! Silvio mi fa il Ponte! Grazie! Immagino i prossimi venti trent’anni con la città sventrata da sud a nord, irrimediabilmente. La mia città, questa merda di città senza verde, senza più strade, ingombra di spazzatura e baracche, dove non sono riusciti in trent’anni ad aprire gli svincoli autostradali, dove ancora c’è gente che pena per l’acqua, dove se non hai la macchina te lo sogni di arrivare al centro. La mia bella città che per arrivare a Palermo ci vogliono più di tre e mezzo ore in treno (190 km circa), che per fare 8 km per andare a scuola devi alzarti alle 6 e mezzo sperando di beccare un autobus che passa per sbaglio, dove se sei handicappato o hai figli in passeggino è meglio che non esci di casa perché ogni marciapiede è altro 40 cm e ingombro di cassonetti e cordoli di cemento. La mia città dove il tram serve zone già servite, a zig zag schiacciando pedoni e auto a gogò, e si ferma giusto dove non passano autobus. La mia città in questa Sicilia dove interi paesi sono ancora senza strade, senza ospedali, senza soldi. I leghisti s’incatenano per gli zingari: che vista! mentre qui vogliono fare un ponte inutile che mangerà i soldi di tutti e che magari si crinerà alla prima scossa, alla prima sputacchiata di Stromboli.
Il ponte Milvio!!! Ops… il Ponte Silvio!

pubblicato nella/e categoria/e messina triste, vergogne | 6 Commenti »

siamo all’inizio? della fine?

giugno1

www.rainews24.rai.it/notizia.asp
L’Italia non passa l’esame di Amnesty International in tema di diritti umani. Il Rapporto 2008 sulla situazione nel mondo dedica quattro delle 590 pagine al nostro Paese.

Eccone una sintesi:
  
– GUERRA AL TERRORE: le autorita’ italiane non hanno collaborato pienamente alle indagini nel contesto della "guerra al terrore" e sono state criticate dal Parlamento europeo per il loro coinvolgimento nel programma delle ‘rendition’ (sequestri, detenzioni e trasferimenti illegali di prigionieri verso Paesi dove possono essere sottoposti a tortura). Il Rapporto ricorda anche il caso Abu Omar con un riepilogo dell’iter giudiziario nel 2007.
  
– DECRETO PISANU: l’Italia ha mantenuto il cosiddetto "decreto Pisanu", riguardante misure urgenti per la lotta al terrorismo, che prevede l’espulsione di migranti, regolari o irregolari, anche in assenza di una condanna o di un’accusa per reati di terrorismo, senza garantire una tutela efficace contro il rimpatrio forzato in Paesi in cui potrebbero essere sottoposti a gravi violazioni dei diritti umani.
  
– FORZE DI POLIZIA E DI SICUREZZA E MALTRATTAMENTI IN CARCERE: l’Italia non si e’ dotata di un meccanismo efficace per il riconoscimento delle responsabilita’ delle forze dell’ordine. Il Rapporto cita l’uccisione di Gabriele Sandri da parte di un agente di polizia e la morte in carcere di Aldo Bianzino e ricorda le prime sentenze di risarcimento e i processi penali in corso nel 2007 per gli scontri avvenuti durante il G8 di Genova.
  
– COMITATO DELLE NAZIONI UNITE CONTRO LA TORTURA (Cat): il Cat ha raccomandato all’Italia di inserire nel diritto interno il reato di tortura.
  
– DIRITTI DI MIGRANTI E RIFUGIATI: l’Italia non si e’ dotata di una legge sull’asilo, specifica e organica, in linea con quanto prevede la Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati. Il Cat ha invitato l’Italia ad adottare misure per garantire che la detenzione di richiedenti asilo e altri cittadini stranieri sia applicata soltanto in circostanze eccezionali e come ultima
risorsa e comunque per il breve periodo possibile.
  
– DISCRIMINAZIONE E ROM: il 2 novembre 2007 e’ entrato in vigore un decreto legge urgente che consente l’espulsione di cittadini dell’Unione europea sulla base di un pericolo di sicurezza pubblica. Durante tutto l’anno, le autorita’ italiane hanno intrapreso sgomberi su larga scala di comunita’ rom, in violazione degli standard internazionali sui diritti umani. Diversi esponenti politici hanno di primo piano hanno usato un linguaggio discriminatorio.

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | 3 Commenti »

ammanettato

maggio26

http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo415190.shtml

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | Nessun Commento »

deliziosi propositi

maggio25

e non sono tra i più violenti
spadiek dijo el 08-02-08 a las 11:33:

Bel lavoro, ma la linea non è abbastanza dura.

> ElLinus dijo el 30-03-08 a las 22:38:

Sei solo un ignorante, violento e nazista. Con quelli come te non può esistere dialogo. Quello che dici si commenta da solo. E dice che sei disumano. Ed anche un nemico.

> teamicr2 dijo el 29-03-08 a las 19:16:

perfetto, llora fai una bella cosa, portateli a casa tua, cosi’ stuprano, derubano e ammazzano te e tutta la tua famiglia, noi alla nostra ci teniamo, per quello siamo favorevoli ai rom nei campi ma quelli di sterminio.

> ElLinus dijo el 07-03-08 a las 18:41:

Cero che a leggere certi commenti si capisce il razzismo e l’ignoranza. Infatti siamo l’unico paese d’Europa additato come razzista e con politiche persecutorie. Altrove i Rom, pur tra mille difficoltà, possono studiare e fare politica. Ma con certa gente è inutile ragionare.

> FerrarisIIV dijo el 21-03-08 a las 21:45:

Vanno usati per testare i medicinali!!! Male che vada qualcuno crepa!!!

> folliaz dijo el 12-04-08 a las 11:17:

schiattassero tutti ! ladri, sporchi, ignoranti,delinquenti,spacciatori e prepotenti. L’ unica casa che si meritano e’ dentro un pilone di cemento dell’ autostrada. Chiuso totalmente pero’ !

> cvbnciuca dijo el 16-04-08 a las 17:03:

ma davanti a noi abbiamo una priorità piu drammatica:la lotta contro quel muro di povertà che divide i europei dai zingari nomadi,crea condizioni di emarginazione e disperazione da cui traggono origine intolleranza,discriminazioni,ingiustizie e violenza.I Rom sono CAPRI ESPIATORI. L’obbligo è batterci senza sosta per quello in cui crediamo, la difesa dei diritti umani,la giustizia sociale,la tutela dei più deboli,i princìpi che dobbiamo difendere ad ogni prezzo Vergognatevi italiani razzisti!

> milvio03 dijo el 22-04-08 a las 14:43:

è normale che a noi non ci rispetta nessuno all’estero..l’italia è il paese dei balocchi..tutti questi zingari di merda che stuprano,uccidono,rubano,distruggono famiglie vengono accolti a braccia aperte grazie al solito buonismo del cazzo che ci fa sempre fare la figura dei coglioni..voglio proprio vedere se in altri paesi sti zingari si comportano cosi..penso di no..

> ElLinus dijo el 25-05-08 a las 19:32:

Bravi bevetevi le scemenze della propaganda. Come se il debito nazionale l’avessero fatto i Rom, la mafia l’avessero creata i Rom, lo scempio edilizio, il problema dell’immondizia, lo sfacelo della scuola. Tipico di un paese allo sbando cercare capri espiatori. Il 70% degli stupri avviene ad opera di compagni, fidanzati o ex, amici (tutti italiani); il 90% delle violenze sessuali sui bambini è opera di familiari, parenti o amici dei genitori (italiani). Dunque? Fuori gli italiani dall’Italia?

> FSW2000 dijo el 16-05-08 a las 09:56:

FUORI I ROM dal’ITALIA !
pubblicato nella/e categoria/e vergogne | Nessun Commento »

discussioni feroci

maggio25

riporto, dalla discussione che si svolge su WMI
Che tristezza e che paura, anche! Perché è proprio così: io ho paura! Che sarebbe successo ciò che sta succedendo lo sentivo da un pezzo e la cosa più grave è che non è colpa della destra al governo! La destra è al governo, e lo è in questa maniera vergognosa, perché la gente la desidera. perché oggi, come allora, vuole un capro espiatorio, un nemico su cui scaricare. Non basta più ammazzare negli stadi o i vecchi e i bambini o violentare le donne, c’è bisogno d’una punizione esemplare. mandare via i rom è solo l’inizio, una parte del bisogno; in molti, troppi, preferirebbero ammazzarli invece, a sprangate… in modo assai liberatorio. Il momento è ottimo, se nascesse un nuovo Mussolini saremmo pronti! Crying or Very sad
E che ci si nasconda ancora dietro le parole, esaltando le differenze e mistificandole da integrazione (ma de che? l’unificazione d’Italia è avvenuta tempo fa, accidenti) e che ancora si osi dire che il bambino di colore possa sembrare diverso agli occhi del bambino bianco (non è vero, mai sentita nessun bambino fare questa distinzione: sono i genitori a vedere le ‘differenze’, è la ‘parolaccia’ integrazione a fare le differenze!) dà da pensare. E che tristezza, ancora, leggere fior di menti che sbandierano la parola ‘minchia’ per far capire che hanno amici siciliani, come fosse una nota ‘a merito’. ma basta, basta… non c’è speranza forse.

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | Nessun Commento »

ladri di bambini

maggio22

ma avete visto che casualità? da quando si prospettano strane leggi, gli ‘zingari’ hanno cominciato a rubare bambini! Guarda guarda… e adesso con i provvedimenti per il reato di clandestinità tornerà anche ‘l’uomo nero’? Mi sembra di tornare bambina, sì, ai tempi in cui la mamma mi spaventava con le favole!

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | 4 Commenti »

rom: io l’avevo previsto molto tempo fa…

maggio18

(14/05/2008) – Il pregiudizio che colpisce il popolo Rom in Italia rischia di degenerare in un’indiscriminata caccia all’uomo. A Napoli si verificano continue aggressioni nei confronti di Rom. Una baracca di via Malibran è stata data alle fiamme da una banda di razzisti e i 13 occupanti, sei adulti e sette bambini, fra cui due neonati, hanno riportato ustioni e rischiato di morire bruciati. A Ponticelli giovani armati di spranghe hanno aggredito alcuni Rom romeni. In via Argine, inseguimento di bambini Rom da parte di razzisti che nascondevano il volto dietro sciarpe. L’ultimo episodio ha visto un bambino Rom di circa sei anni aggredito da una ronda in piazzetta San Domenico, schiaffeggiato, insultato e messo a forza sotto il getto di una fontana pubblica. Ma in tutta Italia, da nord a sud, gli episodi di antiziganismo e violenza si susseguono, quasi sempre ignorati dai media. "La Commissione europea deve intervenire con urgenza," affermano preoccupati i leader del Gruppo EveryOne Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau "perché l’incitazione all’odio razziale a mezzo stampa e le politiche razziali sono proibite espressamente da Direttive, Risoluzioni europee e Carte dei Diritti degli individui e dei popoli. Abbiamo elementi sufficienti per affermare che il caso della ragazzina Rom che avrebbe tentato di rapire un bambino a Napoli è una messinscena, ma prima ancora del verdetto della magistratura, politici e media hanno espresso un giudizio di condanna non solo nei suoi confronti, ma in quelli di tutto il popolo zingaro. Da tempo il Gruppo EveryOne mette in guardia l’opinione pubblica, la stampa e i politici onesti contro il rischio di casi montati ad arte per seminare odio contro gli zingari e aprire la strada a leggi razziali come il prossimo decreto sicurezza e le famigerate ‘commissioni Rom’ che ricordano analoghe istituzioni naziste. Sono provvedimenti illegittimi” continuano “che in sede Ue saranno stracciati in mille pezzi”. Ma gli attivisti del Gruppo EveryOne lanciano l’allarme anche riguardo ai rischi che in questo clima potrebbero riguardare anche i Rom e i Sinti più famosi: "In questi giorni di follia xenofoba la rabbia degli italiani, fomentata dalla propaganda, non risparmia nessuno. Abbiamo sentito un gruppo di tifosi, probabilmente dell’area di estrema destra, lanciare proclami e minacce di estrema gravità contro il fuoriclasse del Milan Andrea Pirlo, che è uno zingaro Sinti, e nei confronti dei Rom dell’Inter Zlatan Ibrahimovic e Sinisa Mihajlovic. ‘Non vogliamo uno zingaro nel Milan. Non vogliamo zingari a Milano,’ dicevano, ma usando parole più volgari e pesanti. Abbiamo allertato le società di calcio milanesi e le autorità di Milano e Parma, dove Milan e Inter giocheranno l’ultima giornata di campionato, ma per evitare il diffondersi dell’intolleranza razziale è necessario che i media comincino ad attenersi alle norme internazionali che combattono il pregiudizio e l’incitazione all’odio razziale".

Gruppo EveryOne

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | 7 Commenti »

fatemi un regalo di pasqua

marzo21

a quanto pare questo bastardo è ancora in circolazione, vi prego firmate! fatelo per il cane, per me, per ipocrisia, per amore ma… fatelo!
e che peste colga questo falso artista!
http://www.petitiononline.com/13031953/petition.html

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | 4 Commenti »

firmate di nuovo

ottobre27

qui, vi prego http://www.petitiononline.com/13031953 è contro un ‘artista’ che fa morire di fame e sete un cane, in un museo, come mosta permanente… d’orrore suppongo.

che peste lo colga!

firmate! e se volete star male anche voi leggete prima qui:

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=216533

Oipa: http://www.oipaitalia.com/maltrattamenti/appelli/costarica.html

pubblicato nella/e categoria/e Comunicazioni, vergogne | 14 Commenti »
« Older Entries