Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista

che tenerezza, caro editore

febbraio6

cazzeggiando sul mio pc ho trovato questa mia prima lettera di presentazione… non ricordo se l’ho mai spedita, ma oggi mi fa tanta tenerezza..

Gentile editore,

mi chiamo Cinzia Pierangelini e sono nata a Messina nel 1963, da genitori umbri. Faccio questa curiosa premessa a giustificare la mia visione scanzonata, affettuosa e buffonesca della mia terra presente nel romanzo che le propongo in lettura.

Sono una violinista e una docente di violino e, ovviamente, amo scrivere.

Ciò non ostante ho soffocato questa passione sino ai quarant’anni  compiuti, temendo di profanare un’arte che ritengo sacra.

Poi, nel 2004, ho ceduto al corteggiamento serrato…e, come tutti gli amanti corrisposti, mi ritengo innamorata e soddisfatta!

Ho cominciato scrivendo per i giovani e poi, giusto per mettermi alla prova, ho provato a partecipare a qualche concorso letterario con racconti di narrativa.

So che gli editori non ci badano granché, ma, per chi inizia, è pur sempre un banco di prova e uno stimolo a continuare e migliorare. Insomma mi sono presa qualche piccola soddisfazione che ha incoraggiato il mio spudorato amore…

Per gioco ho mandato alcuni racconti a una piccolissima casa editrice, una delle poche che non chiede contributi (Di Salvo- Tracce diverse) e, con mio sommo piacere, sono stati pubblicati a Maggio 2005 divenendo la mia prima raccolta di racconti: un libro piccolino e che  forse rimarrà sconosciuto, ma dignitoso, corretto e piacevole come deve essere ogni inizio. Da quei primi racconti ho preso le distanze, a livello stilistico, e credo di aver trovato finalmente la mia voce. Forte dei due romanzetti scritti (per i ragazzi e per gioco), ho finalmente sfornato il mio primo vero romanzo breve; e, sorretta dal parere dei miei lettori, amici e familiari, ma soprattutto di Remo Bassini  e Annibale Rebaudengo, trovo oggi il coraggio di proporvelo in lettura, insieme a un curriculum-vitae e alla breve sinossi.

Intanto incrocio le dita, non osando sperare ma…sognando!

Con simpatia

 

pubblicato nella/e categoria/e Parole in regalo
4 Commenti to

“che tenerezza, caro editore”

  1. Avatar febbraio 6th, 2008 alle 09:28 cochina63 ha detto:

    che ingenuità…


  2. Avatar febbraio 6th, 2008 alle 14:37 Soriana ha detto:

    Forse sarà ingenua…non so. Ma è fresca, deliziosa. Sì, fa molta tenerezza. E già dal testo della lettera si…evince (oggi mi va di utilizzare parole così…) la tua abilità di narratrice.

    Bacetto

    Milvia


  3. Avatar febbraio 6th, 2008 alle 17:31 smn ha detto:

    Sì forse è un po’ ingenua, ma è molto sentita e credo che all’editore sia piaciuta per questo.

    Simone


  4. Avatar febbraio 7th, 2008 alle 11:38 cochina63 ha detto:

    e chissà… non so neanche se l’ho mai spedita


You must be logged in to post a comment.