Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista

baby Azù

ottobre31

Immag003baby azùbabyDSCF0100baby_legge4DSCF0072Babyio adoro babBabyImmag004DSCF0072DSCF0100Babyy Azù!!!!

la leccapiedi!

pubblicato nella/e categoria/e il diario di baby | 3 Commenti »

firmate di nuovo

ottobre27

qui, vi prego http://www.petitiononline.com/13031953 è contro un ‘artista’ che fa morire di fame e sete un cane, in un museo, come mosta permanente… d’orrore suppongo.

che peste lo colga!

firmate! e se volete star male anche voi leggete prima qui:

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=216533

Oipa: http://www.oipaitalia.com/maltrattamenti/appelli/costarica.html

pubblicato nella/e categoria/e Comunicazioni, vergogne | 14 Commenti »

non cazzeggio… purtroppo

ottobre27

http://armoniadelleparole.splinder.com/

firmate subito, ci vuole un attimo

http://www.amnesty.it/appelli/OK.html

che tristezza tutto ciò…

pubblicato nella/e categoria/e vergogne | 5 Commenti »

un ricordo dell’estate in sila…

ottobre27

pubblicato nella/e categoria/e Senza categoria | 5 Commenti »

cazzeggio2

ottobre27

www.designity.netla coppia

“Certo che il mondo è cambiato, eh? A volte mi pare di non ritrovarmici.

 Se penso al passato,  a come tutto pareva semplice, chiaro… C’erano quattro linee guida e via: si trottava, fedeli alla direzione; a volte persino convinti. Adesso, invece: che gran confusione, non credi?”.

“…”.

“ Eh, lo so, lo so che i problemi erano spesso nascosti e i panni sporchi si lavavano in casa, per così dire; che, magari, uno certe idee, certe sofferenze,  le aveva anche allora ma non sapeva  a chi raccontarle. Non c’era sempre la serenità di esporre i propri dubbi perché, a volte, sembravano originali, fuori dalla norma, insomma. Pensa al matrimonio: mica la gente divorziava! I matrimoni duravano una vita, ‘finché morte non vi separi’, e ora… che confusione: coppie di fatto, coppie sfatte, lui con lui, lei con lei, in tre, in quattro, famiglie allargate, rimpicciolite, annullate. E il vecchio matrimonio, dico io?! la forza del due, lui e lei, in questo marasma, esiste ancora?Papà e papà, mamma e mamma… Senti che qualcosa non va? Senti che si è persa la magia?”.

“…”

“D’altronde non sono stupida: lo so che  spesso era una facciata, che molti si nascondevano e mentivano  per andare avanti! Eh, pure a casa mia: certe litigate e minacce… Dici che è meglio adesso? Ora che finalmente c’è la libertà di discutere, di dire  pane al pane e vino al vino? Ora che i preti fanno figli, che gli sposi si dividono, che lo Stato riconosce diritti ai gay  e che, finalmente, moglie e marito possono relazionarsi alla pari? Ma sì  è vero: il passo è stato grande e sono io a sentirmi confusa. Ma, lo sai: a confondere me ci vuole poco; pensa che persino ‘Quarantaquattro gatti in fila per tre col resto di due’ mi dava l’ansia, da piccola. Quel tre… mi angosciava, e quel ‘col resto di due’ adesso mi pare addirittura profetico, no? Sì, perché ‘resto’ mi è sempre parsa una parola triste, defraudata, grigia. Caro, ma tu che ne pensi?Caro…?”.

“E muta, gallina!”.

 

pubblicato nella/e categoria/e Senza categoria | 11 Commenti »

allievi disperati

ottobre23

A.  è un ottimo elemento: vivace, musicale, polemico quanto basta…

Ieri ,lezione di schifo… neanche una nota al suo posto.Ingoio ingoio maalla fine la terribile proffa viene fuori con occhi di bragia e zanne affilate.

-Non hai studiato?

-…

– Hai problemi?

– N… no… è che che…

-Dimmi, è che?

– No,niente

Perdo la pazienza, insisto duramente

– Guarda che puoi dirmelo: non muoio.

– No, professoressa: muoio io!

 E qui Giobbe mi ha aiutato e ho recuperato la calma, perché questa risposta era strana davvero.

E siccome son diventata dolce e dolce non lo sono mai (non ho mai capito perché i ragazzi mi vogliono bene: sono piuttosto severa) A., tentando di parlare, è esploso in un pianto dirotto. Ora, quando vedo piangere i maschietti, sapendo come ci tengano a essere dei duri, io non so più dove mettere le mani… e A. , appunto, singhiozzava… disperato.

– Mi hanno avvelenato i cani

ha balbettato nel pianto.

– quattro cani…è tornata solo quella babba ché gli altri non l’avranno fatta mangiare e si è salvata.

Il pianto diventa rabbia, profonda,di quelle che lasceranno il segno.

– Bastardi!!!

diciamo insieme.

pubblicato nella/e categoria/e magica proffa | 5 Commenti »

blog.radiomontecarlo.net

ottobre22

Eraclito e il muro

 

Copertina di Eraclito e il muro

Cinzia Pierangelini

“Eraclito e il muro”

GBM Edizioni
La storia di un critico dello spettacolo, Matteo Micciché, musicista fallito, si intreccia a quella di un paesino siciliano degli anni Settanta. Seguendo le sue vicissitudini ci si addentra in un piccolo, fascinoso mondo di falsità, furbizie e popolana saggezza, passioni, potere e viltà. Ne scaturisce la gustosa rappresentazione di una certa Sicilia, metafora dell’Italia di ieri e di oggi. Pecche e virtù, speranze e disillusioni si mischiano in un caleidoscopio che restituisce, ogni volta, un nuovo fantasioso disegno, a tratti comico, a tratti tragico, a tratti poetico.

La Sicilia è la terra di questa giovane autrice che  dosa con maestria ogni frase, realizzando un affresco impareggiabile.

pubblicato nella/e categoria/e Eraclito e il muro | 14 Commenti »

io, moderatrice?!

ottobre21

da stasera modero L’angolo di Cinzia su

http://www.braviautori.com/forum

che sperienza ragazzi… venite a trovarmi e… non fatemi arrabbiare se no mi cacciano subito!

pubblicato nella/e categoria/e Comunicazioni | 2 Commenti »

il mio amico Ennio

ottobre21

Ennio Nicotra dirige Badura-Skoda   ricordo ancora il concorso (cento anni fa?)in cui perdemmo entrambi … ma facemmo amicizia!

http://www.youtube.com/watch?v=w8xUVwf_Z4U

pubblicato nella/e categoria/e Amici artisti | 2 Commenti »

canti celtici

ottobre21

Renzo Montagnoli è diventato attraverso il web (non ci conosciamo e forse non ci conosceremo mai) un caro amico, apprezzabile per l’equilibrio dei giudizi che lo contraddistingue e l’umiltà e una grande generosità. Penso anche a queste cose mentre, una al giorno, leggo le sue poesie. Poesie che lo riflettono a perfezione e che lasciano dentro, con un alone di nostalgia dolorosa, anche la promessa d’una speranza. Come di chi camminando nel fango scorga più in là, a oriente, uno sprazzo d’azzurro nel cielo e vi si diriga tenace, non ancora sconfitto. Un grazie, perciò, per questa lettura dolce che mi tiene compagnia.

pubblicato nella/e categoria/e Amici scrittori, letture | 3 Commenti »
« Older Entries