Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista

la libertà della blogosfera

giugno5

Direi che mi son rotta abbondantemente… delle ipocrisie, di quelli furbi che vengono a giudicare ma non hanno manco il coraggio di firmarsi, di quelli che utilizzano l’anonimato per motivi che mi sfuggono,di quelli che sparano a zero e manco si degnano di vedere se gli hai risposto. E mi son rotta anche di sentirmi in colpa se parlo dei miei libri o pubblico mie parole, autoreferenziale mi si dice (e non è la prima volta) come se un blog personale possa essere altrimenti che autoreferenziale. Che volpi! Forse dovrei fare come altri e segnalare segnalare segnalare all’unico scopo di aumentare le visite, le cortesie, le vendite? per mettere un piedino qui e uno lì e allargare il cerchio? Non so, se questa è la tanto decantata libertà della blogosfera direi che fa pena! è pieno di gente che indaga sulla coscienza altrui , mancano solo le penitenze e poi mi sento davvero a catechismo! Comunque, chiarisco a scanso di ulteriori equivoci: io scrivo, ho aperto un blog perché scrivo, in questo blog parlo di quello che mi pare e pubblico quello che mi pare. ‘così è se mi pare’ insomma.

pubblicato nella/e categoria/e Comunicazioni
23 Commenti to

“la libertà della blogosfera”

  1. Avatar giugno 5th, 2007 alle 21:54 ReAnto ha detto:

    Sono I Troll ..nella blogosfera e nella “forumsfera” abbondano. Non te la prendere.

    Ciao Antonio


  2. Avatar giugno 6th, 2007 alle 05:41 RenzoMontagnoli ha detto:

    Lascia perdere, Cinzia, è tempo sprecato. Se ho un blog e non lo uso il motivo è questo.


  3. Avatar giugno 6th, 2007 alle 08:25 lauraetlory ha detto:

    D’accordissimo. Fregarsene dei censori della Rete e andare avanti. Tu scrivi, hai un blog perché scrivi (come la maggior parte dei blog che frequento) e scrivi quello che ti pare. BRAVA! Continuerò a leggerti anche per questo.

    Laura


  4. Avatar giugno 6th, 2007 alle 08:36 lucaintona ha detto:

    “C’erano gli anonimi al tempo dei blog… e a noi non importava: scrivevamo quel che ci piaceva, leggevamo quel che ci piaceva.”

    Tratto da un digiscritto dell’epoca di mezzo


  5. Avatar giugno 6th, 2007 alle 09:19 lauraetlory ha detto:

    Laura mi ha preceduta ma il senso del mio intervento voleva essere lo stesso: vuoi scrivere? Scrivi. Se qualcuno ha dei problemi, la blog sfera è vasta, può prendere una strada qualunque e andare… dove gli pare!

    Lory


  6. Avatar giugno 6th, 2007 alle 11:11 utente anonimo ha detto:

    ciao Cinzia,

    sono anch’io un autore della Di Salvo. Ho pubblicato nel 2005 e nello stesso anno ho visitato la fiera del libro. Lì ho conosciuto Andrea, presentava il suo libro “Tre semplici sconosciuti”. Sempre in quell’occasione ho comprato il tuo primo libro: “Dall’ultimo leggio”. L’ho letto e l’ho fatto leggere più o meno a tutti i miei amici. A me è piaciuto, anche se non è esattamente … come dire, sulla mia lunghezza d’onda. Non amo i blog, ma da qualche giorno mi è capitato di leggere il tuo, e mi è piaciuto un sacco … almeno fino ad oggi. Sei diversa da tanti altri autori che cercano come disperati di convincere altri autori altrettanto disperati (in questo senso, temo, si parla di autoreferenzialità) a comprare/recensire/segnalre/ecc il proprio libro. Non perdere questa tua peculiarità, è la diversità a renderti speciale, ed è grazie ad essa se ho deciso di scrivere un commento sul tuo blog … il primo … e credo anche l’ultimo.

    non mi firmo ma, per favore, non avermene


  7. Avatar giugno 6th, 2007 alle 11:11 Soriana ha detto:

    Non farti scrupoli, cara Cinzia. Ci mancherebbe altro che nel proprio blog non si potesse scrivere ciò che si vuole. E visto che il mondo dell’editoria non è che faccia…emergere più di tanto gli autori emergenti, fai benissimo a parlare dei tuoi libri. Che poi penso sempre che dando risonanza a cose scritte bene si faccia un piacere grande anche ai lettori…

    Rileggendomi, noto ora un’inesattezza: tu non sei un’autrice emergente! Sei una bravissima autrice. E basta. (Sei anche una cara persona)


  8. Avatar giugno 6th, 2007 alle 12:46 cochina63 ha detto:

    vedo che non a caso ci si ritrova… anche sui blog, questo dà speranza…

    anonimo: peccato che non ti firmi, però almeno torna… e se un giorno avrai qualcosa su cui polemizzare con me… be’ allora firmati ti prego!

    Non credo di aver mai dato da pensare che non ho voglia di discutere o non accetto le critiche, quello che non accetto è l’affondo e via, tanto per far male, assolutamente non costruttivo per nessuno. Tra l’altro polemizzare è una cosa che amo: apre gli occhi, aumenta la sensibilità e , se è il caso,rafforza il proprio credere.


  9. Avatar giugno 6th, 2007 alle 12:48 utente anonimo ha detto:

    non so se pubblicherò mai, in realtà vorrei ma non a mie spese :-), ma ti appoggio in pieno, uso il blog con le tue stesse intenzioni.

    piacere che Clelia ti abbia segnalata oggi.

    ciao,

    A.


  10. Avatar giugno 6th, 2007 alle 13:25 RenzoMontagnoli ha detto:

    In un’altra occasione, Cinzia, lascia perdere. Chi interviene così lo fa per provocare una reazione. Se cancelli il post, lo riscriverà ancora, ma se fai finta di niente, visto che non sortisce l’effetto sperato, smette.

    Un po’ come quando si era a scuola e c’era qualcuno che ti prendeva in giro; facevi finta di niente e lui si stufava.

    OK?


  11. Avatar giugno 6th, 2007 alle 13:39 utente anonimo ha detto:

    passaggio casuale nella blogosfera….

    anonimato + invidia, uguale fastidi.

    io sono mat, per evitare.


  12. Avatar giugno 6th, 2007 alle 14:39 utente anonimo ha detto:

    ciao Cinzia,

    due righe solo per dire che appena ho potuto sono tornato a vedere se avevi risposto, che quando potrò tornerò volentieri a leggucchiare, e che essere chiamati “anonimo” fa schifo … ma, in fondo, me la sono voluta.

    ciaociao

    danilo


  13. Avatar giugno 6th, 2007 alle 14:40 utente anonimo ha detto:

    Comunque nel proprio blog si possono anche cancellare i post non desiderati 🙂


  14. Avatar giugno 6th, 2007 alle 14:41 utente anonimo ha detto:

    Mi sono dimenticato di loggarmi il post precedente era mio.Ciao Antonio


  15. Avatar giugno 6th, 2007 alle 15:26 utente anonimo ha detto:

    Non ci vedo niente di strano a fare autopromozione. Intanto il blog è tuo e puoi gestirlo come vuoi, e poi se le aziende con i loro siti pubblicizzano i loro prodotti, perchè uno scrittore non può fare altrettanto con il proprio libro?

    Insultare è solo da gran maleducati!!!

    Tutta la mia stima e solidarietà

    Elisa


  16. Avatar giugno 6th, 2007 alle 15:50 utente anonimo ha detto:

    sei insofferente alle critiche? non è per confrontarti che hai aperto un blog?

    antonio


  17. Avatar giugno 6th, 2007 alle 15:58 cochina63 ha detto:

    ciao Danilo, grazie per esserti firmato.

    Antonio: no!!!!non sono insofferente alle critiche (leggi commento nr8)sono insofferente alle critiche degli anonimi!

    Chi è Clelia?

    Lo so che posso cancellare i commenti ma è così brutto!ogni commento ha una sua ragione d’essere, chiedo solo che di questa ragione non ci si vergogni e che perciò si sostenga, a partire dalla firma.


  18. Avatar giugno 6th, 2007 alle 18:33 RenzoMontagnoli ha detto:

    Cinzia, metti qualche argomento sulla musica, sugli animali, su qualsiasi cosa, ma è meglio chiuderlo questo.


  19. Avatar giugno 6th, 2007 alle 22:02 cochina63 ha detto:

    dici?ok


  20. Avatar giugno 7th, 2007 alle 01:13 sambigliong ha detto:

    hai fatto bene a dire.

    non serve a dire.

    la rete è così: c’è di tutto.

    persone splendide, persone banali, persone semplici, altre contorte.

    ci sono veleni e complimenti a go go, critiche vere e impressioni travestite da critiche…

    esattamente come fuori, credo.

    ciao cinzia

    remo


  21. Avatar giugno 7th, 2007 alle 06:13 cochina63 ha detto:

    ciao Remo, esattamente come fuori non riesco a non dire… sono una diretta.


  22. Avatar giugno 16th, 2007 alle 13:18 tristantzara ha detto:

    Concordo appieno con te. Oggi la prassi è marketing, e io non voglio nè mi interessa rincorrere i commenti allo scopo di aumentarne il numero. Scrivo quando sono ispirato e poco, ma più intensamente. Lasciare tracce leggere non serve nè a chi scrive nè a chi legge.


  23. Avatar giugno 16th, 2007 alle 15:04 cochina63 ha detto:

    bene, benvenuto dunque!


You must be logged in to post a comment.