Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista

scomodo dubbio…

ottobre20

Qualcuno mi ha detto "rifletti sul fatto che mica la vita è tutta nei romanzi" e io ho risposto che magari fosse questo il problema, il vero problema è che la vita per me è tutta nella mia testa! Il mondo è un contorno che spesso mi sfugge; i romanzi forse sono solo l’ultimo gradino della mia perfetta astrazione. Allora mi chiedo: dovrei sentirmi in colpa?

pubblicato nella/e categoria/e pensieri alieni | 7 Commenti »

Eraclito e il muro – Un altro commento

ottobre19

Qui un altro bel commento!

p.s. onde evitare commenti che ritengo offensivi, come quello che troverete a questo post, chiarisco che il nuovo commento è dopo quello di Montagnoli, insomma dovete scendere più giù nella pagina.

pubblicato nella/e categoria/e Eraclito e il muro, I miei libri | 5 Commenti »

curiosità

ottobre19

Oggi sono a casa, malata, e ho voglia di distrarmi, così mi chiedevo: qual è la cosa che vi fa più schifo?

pubblicato nella/e categoria/e giochiamo | 13 Commenti »

novità

ottobre18

è nato questo http://www.absolvo.it  non so altro.

pubblicato nella/e categoria/e Senza categoria | 8 Commenti »

Mussaka che delizia

ottobre18

Ho mangiato questa cosa buonissima…

Per sei/otto persone:

Tre o quattro grosse melanzane (circa un chilo e mezzo)
Cinquecento grammi di carne macinata, meglio se mista

 (l’ideale sarebbe manzo, maiale e pecora o montone in parti uguali)
Una cipolla, una costola di sedano, una carota, uno spicchio di aglio,

un ciuffo di prezzemolo
Due pomodori ben maturi, spellati e privati dei semi
Erbe aromatiche (origano, timo, maggiorana)
Mezzo litro circa di salsa besciamella densa
Cinquanta grammi di parmigiano grattugiato
Quattro uova
Olio per friggere
Farina
Sale e pepe

Preparate il ragù: in una casseruola con due/tre cucchiai di olio rosolate le verdure tritate, aggiungete la carne e fatela rosolare mescolando bene; quando avrà preso un poco di colore salate e aggiungete i pomodori in piccoli pezzi. Fate cuocere per circa un’ora, aggiungendo poca acqua se dovesse asciugare troppo; dovrà risultare un ragù piuttosto asciutto.
A cottura ultimata aggiungete una buona presa di erbe aromatiche, pepate e lasciate raffreddare.

Nel frattempo tagliate le melanzane a fette di mezzo centimetro scarso, infarinatele leggermente e fatele brevemente friggere (dovranno essere a mezza cottura) in olio bollente; volendo realizzare un mussaka più leggero potrete anche cuocere le melanzane alla griglia, ungendole poi con poco olio crudo.

Preparate una salsa besciamella piuttosto densa, con circa mezzo litro di latte e burro e farina in proporzione; lasciate intiepidire.

A questo punto preparate il timballo.
Incorporate alla besciamella i tuorli delle uova ed il formaggio.
Incorporate al ragù gli albumi delle uova, mescolando accuratamente.
In una teglia da forno disponete gli ingredienti a strati: un primo di melanzane, uno strato di ragù, ripetete l’operazione e completate con un ultimo strato di melanzane.
Versate sul tutto la besciamella "arricchita" e passate in forno moderato per circa tre quarti d’ora

 

pubblicato nella/e categoria/e Senza categoria | 6 Commenti »

pauraaaaaaaaa

ottobre18

Il mio blog era scomparso…Paura eh?

pubblicato nella/e categoria/e Senza categoria | 5 Commenti »

scrivere

ottobre16

Cancellate 15 pagine, ricomincio dalle prime 5… Scrivere mica è facile mannaggia! Comunque ho un inizio, una colonna sonora e ‘Habanera per una vecchia ragazza’ inizia ufficialmente la sua lunga strada! Incrociate le dita…

pubblicato nella/e categoria/e Senza categoria | 4 Commenti »

Eraclito-un’altra lettera bellissima

ottobre14

Cara Cinzia,
ho letto il tuo libro con il piacere che riservo ai regali che ogni tanto mi concedo: attimi di tregua, pause interiori, quel divertimento buono che è amico del divergere dal quotidiano e dal suo essere greve.
‘Eraclito e il muro’ è, appunto, un bel regalo.

Parlavi del tuo sogno di una scrittura coda di volpe? Un “ fremito di tramonto tra i cespugli”?
Bene, io credo che qualche volta i sogni trovino le parole per dirsi e per raccontare: nelle tue pagine è accaduto.

Il segno più marcato che attraversa il libro, secondo me, è proprio questa leggerezza pensosa, un sorriso che non è sberleffo ma neppure allegria, piuttosto il guizzo di amarezza di chi sa e non s’aspetta nulla di diverso.
D’altra parte sorrisi e lacrime, storie vecchie nuove, si stemperano in un ‘milieu’ capace di assorbire ogni cosa, senza farla diventare tragedia, ma orientandola, talvolta, verso i terreni della farsa, dove i fucili sparano a salve e i baffi sono finti: tanto rumore per nulla( anche se il nulla è il dolore, personale e segreto), per ritornare al punto di prima, con immutati rapporti di potere…

Un dosaggio delicato, il tuo, che restituisce con vivezza questa realtà di provincia sospesa fra l’ovvio e il paradossale, fra la cosa e la sua ombra: il tutto proiettato sullo schermo di quel grande cinematografo all’aperto rappresentato dal muro.

E’ un bel narrare, a stretto contatto con l’oralità dei dialoghi, eppure sorvegliato e curato, senza concessioni ad alcuna trasandatezza.
Un narrare capace di decentrare i suoi fuochi narrativi e tra essi costruire una ragnatela di rimandi, entro le cui trame vive tutto un paese, dalle opulente signore a certe figurine danzanti, rilevate come cammei. E il lettore si sente ospite aggiunto, desideroso di dire la sua. Sul muro, per iscritto.

Con un abbraccio,
zena


pubblicato nella/e categoria/e Eraclito e il muro | 3 Commenti »

Curiosità

ottobre14

Mentre continua la mia ricerca di un’habanera che mi faccia vibrare il cuore mi chiedevo quanti di quelli che hanno letto il mio libro abbiano ascoltato i brani scelti dall’orchestra per il valzer della festa in clinica. Sono davvero la colonna sonora del libro insieme alla Tosca, magari quando vinco la lotteria ci faccio un film con questo libro… be’ quella sarà la colonna sonora (ok ok scherzavo…)

pubblicato nella/e categoria/e Eraclito e il muro, I miei libri | 5 Commenti »

aiutino

ottobre14

Cerco "habanera" belle, chi mi aiuta?Mi piace scrivere con un "sottofondo" ideale, una specie di colonna sonora al libro. Mi date una mano?

pubblicato nella/e categoria/e Musica | 17 Commenti »
« Older Entries