Crea sito

Cinzia Pierangelini

Blog di una narratrice musicista

giugno9

Ed ecco una letterina assai più carina, di quelle che non fa troppo male ricevere e che ci fanno sperare in un’editoria a portata di cuore…

Cara Cinzia,
ho letto il romanzo che mi hai gentilmente inviato ma devo dirti che  purtroppo non è del genere che interessa alla mia neonata casa  editrice, in quanto
decisamente poco surreale.
Mi rendo conto che farsi un’idea precisa sul genere, col fatto che la  casa editrice è nata da poco e i primi libri sono usciti solo a  marzo, sia molto difficile e me ne scuso.
Prova a inviarlo a qualche casa editrice più adatta al tuo stile,  perché il tuo libro è ben scritto, si lascia leggere con piacere e la  storia è interessante.
Ti ringrazio comunque per la disponibilità e l’aiuto che hai voluto  darmi.
A presto,

(omissis)

pubblicato nella/e categoria/e l editore risponde
7 Commenti to

“”

  1. Avatar giugno 9th, 2006 alle 21:46 cochina63 ha detto:

    be’ speriamo che la terza risposta sia quella buona…


  2. Avatar giugno 9th, 2006 alle 22:57 utente anonimo ha detto:

    dovresti citarla, invece.

    la casa editrice.

    o almeno.

    remo


  3. Avatar giugno 10th, 2006 alle 07:06 cochina63 ha detto:

    Be’ la cito, ok… per chi scrive surreale e a suo onore: proprio in qesto caso (ovvero quando la casa non pubblica libri dello stesso genere) avrebbero potuto davvero cavarsela con un “Non rientra nella nostra linea editoriale” e invece hanno speso anche qualche parola positiva per un’opera che non li interessava. La casa è Zandegù, e quasi quasi mi metto a scrivere surreale solo perché mi fanno simpatia…


  4. Avatar giugno 10th, 2006 alle 07:18 pennastilo ha detto:

    Perdona il mio giudizio, ma mi piaceva tanto il template di prima…

    Un bacio


  5. Avatar giugno 10th, 2006 alle 07:21 cochina63 ha detto:

    anche a me…solo che questo è meglio strutturato…sto ancora piangendo…


  6. Avatar giugno 10th, 2006 alle 13:17 Ipanema ha detto:

    Sì, Zandegù è una casa editrice interessante, e oltre tutto sembra pubblicare cose interessanti, anche se surreali. Ora però io mi chiedo: perché cinzia ti stai rivolgendo solo a case editrici di recentissima apertura? Io farei un tentativo anche con le “Grandi”… utopia, ma mica poi tanto… Oppure qualcuna di “Piccola” ma “mordace”…

    Sironi? Diabasis? Marcos Y Marcos? (di quest’ultima mi piacciono da impazzire i libri… le copertine sono floscie, i libri ampi e morbidi… un gran bel leggere. Se avessi mai la fortuna di pubblicare qualcosa, mi piacerebbe vederlo stampato con un “vestito” così…) 😀 sto vaneggiando… dimenticami…:-)


  7. Avatar giugno 10th, 2006 alle 14:36 cochina63 ha detto:

    un po’ grandi, un po’ medie, un po’ piccole ma simpatiche… io dico questo: perché lo scrittore emergente si lamenta sempre che le grandi case non lo filano e lui non si fila le piccole? Voglio dire: l’errore è lo stesso. o no?


You must be logged in to post a comment.